Blog: http://75.ilcannocchiale.it

Sinistra plurale: Ferrante comunista, Penati moderato

Bruno Ferrante aveva detto che non avrebbe avuto alcun problema a sfilare assieme alla sua rivale Letizia Moratti durante il corteo del 1 maggio. Poi la CGIL-Scuola ha alzato le barricate contro l'ex ministro dell'istruzione e allora il neocompagno candidato sindaco ha pensato di cavalcare la sinistra radicale: ha dichiarato prontamente che la famiglia Moratti è nella categoria dei "padroni" e la festa dei lavoratori non ha a che fare con il padronato.
Marx a merenda.

Ben diverse le dichiarazioni del presidente della provincia, Filippo Penati, ex Pci ora Ds, che ha affermato: «Il Primo maggio è un rito civile, non è un corteo di una categoria che sciopera per il rinnovo del contratto. È una festa di libertà, come il 25 Aprile».
E a domanda diretta, se un manager possa partecipare al corteo, Penati si è smarcato decisamente da Ferrante, dicendo: «Ben venga l’amministratore delegato se condivide il fatto che è nella libertà che si celebra il lavoro, che nella democrazia si progredisce».

Pubblicato il 30/4/2006 alle 13.53 nella rubrica Milano e provincia.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web