Blog: http://75.ilcannocchiale.it

Belfast Telegraph: l'Italia non finisce di stupire

E' curioso l'editoriale di ieri sul Belfast Telegraph, affidato al corrispondente da Roma Peter Popham.
L'argomento è il risultato elettorale italiano, il cambio della guardia tra il frizzante magnate dei media Silvio Berlusconi e il cauto professore di economia Romano Prodi.
Popham ce ne ha per tutti, l'effetto della lettura è l'impressione che l'Italia politica sia messa molto male.
Su Prodi il quotidiano più letto in Irlanda del Nord ha parole di fuoco:


He is a committed European, but while in Brussels his main focus always seemed to be Italy. Whenever possible he quit the Belgian capital for his base in provincial Bologna, enjoying the countryside on his mountain bike.

In sintesi: ha usato Bruxelles per tornare trionfatore in patria (e la sua patria è anzitutto la campagna emiliana).
Ma non è tanto Prodi il maggiore bersaglio del corrispondente, quanto i suoi rivali:


This academic background counted in his favour during his first stint as Italian Prime Minister, when he was seen as the antidote to his corrupt professional political rivals.

Tradotto: il professore di economia fu nel 1996 l'uomo giusto al posto giusto come antidoto alla corruzione rappresentata dal centro-destra. Non c'è male.
L'affondo verso Berlusconi non finisce qui. Un suddito della Corona non poteva farsi sfuggire l'opportunità di notare una curiosa coincidenza:


(..) the stunning news, just seven minutes after Mr Berlusconi's defeat became certain, that the most wanted mafioso in Sicily, the man from Corleone who has been capo di capi for 13 years and on the run for 30 more than that, had been arrested.

Uno pensa che la prudenza giornalistica imponga al limite un tono scherzoso, e invece no, il corrispondente del "Belfast Telegraph" non ha peli sulla lingua: a consentire l'arresto di Provenzano è stato un vuoto politico. Berlusconi collegato alla mafia perde le elezioni, sette minuti dopo il capomafia è catturato:


A political vacuum had opened up: Berlusconi, long tainted by his Mafia links, was on his way; and suddenly the biggest mobster of the lot was in the bag. Italy does not lose its capacity to amaze.

Non perdiamo la nostra capacità di stupire, quasi di affascinare. Dalla mafia alla mountain-bike, restiamo comunque italiani.

Pubblicato il 13/4/2006 alle 11.21 nella rubrica Politica italiana.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web