.
Annunci online

75
idee e riflessioni


Diario


21 marzo 2006

Di topi e di gatti (la via Liberale alla sconfitta elettorale)

La storia delle liste liberali la sapete tutti. Il PLI si presenta in poche regioni, tra camera e senato; RL mi sembra solo in tre regioni al senato.
E' come dire che le elezioni politiche del 9 e 10 aprile hanno già dato un risultato certo: la sconfitta (sul nascere) dei liberaloidi d'Italia.
Per qualcuno era più importante mettere il proprio nome piuttosto che costruire un soggetto politico davvero liberale e davvero unificante. Vediamo alcuni passaggi significativi di questo tracollo.


• Benedetto Della Vedova, appena uscito dai Radicali e appena fondato un partito nuovo (RL), va subito a dialogare con Forza Italia anziché con i liberali che si muovono da anni per ricostituire un partito.
• Renato Altissimo, storico segretario dell'ultimo PLI, torna alla vita politica attiva e viene posizionato da Stefano De Luca alla presidenza del PLI medesimo. Cos'abbia fatto in questi dieci anni per meritarsi siffatta gloria, non è dato saperlo.
• Carla Martino, della presidenza del PLI, che intanto dialoga con Forza Italia, dichiara che è stata cooptata nella direzione dei Radicali Italiani, che stanno costituendo la Rosa nel Pugno per entrare nel centrosinistra.
• Si avvia la raccolta firme. Forza Italia aveva promesso a PLI e RL un aiuto concreto e invece questo aiuto viene, ma in modo ovviamente limitato, da AN.
• Alla stretta finale, PLI e RL discutono del diritto di tribuna con Forza Italia. Da sei che dovevano essere (quattro RL e due PLI), i parlamentari liberali saranno uno o forse due, tutti di RL.
• Il PLI reagisce male alla mancanza del diritto di tribuna e dichiara rottura totale con la Casa delle Libertà. Qui per PLI intendo la sua direzione nazionale, quindi De Luca, Altissimo e tutti gli altri.
• Gigi Paganelli, coordinatore lombardo PLI, capolista PLI al senato, continua invece a sottolineare l'alleanza tra PLI e CdL.

E siamo a sabato 25 marzo. Data storica, visto che il 27-28 marzo 1994 Berlusconi, appena entrato in politica, vinse le elezioni.
Il PLI lombardo organizza un convengo dal titolo: "I liberali in un'Italia che non sa essere liberale". Bla bla? Vedremo. Per intanto, si sottolinea la presenza di:

• Il non-plus-ultra del PLI lombardo: Paganelli, naturalmente, e poi Morandi (della direzione nazionale), che sicuramente spiegherà se il PLI sta con o contro la CdL, e Giampaolo Berni.
Berni è famoso per avere contattato LPI e averli convinti a unire i percorsi con il PLI, Morandi e Paganelli per avere usato i tesserati LPI per giocare a carte sui tavoli di trattativa con la Moratti, RL e il PRI.
• Arturo Diaconale, direttore de "L'Opinione", che si porta dietro il suo giornalista Davide Giacalone. "L'Opinione" sarebbe l'organo ufficiale del PLI ma è notissima la simpatia di Diaconale e degli altri per RL.
• Marco Jouvenal, coordinatore di GayLib, candidato al senato per il PLI. Jouvenal si è allontanato da poco da Marco Marsili, un liberale che ha stretto alleanze con Di Pietro.
• Una pattuglia, infine, di socialisti e liberali di Forza Italia milanese: Milko Pennisi (ex PSI), Max Bruschi (ex PRI, ex Radicali), Bruno Dapei. I quali saranno molto curiosi, anche loro, di sapere se il PLI sta con o contro la CdL.


I liberali che invece si sono accorti della sconfitta in partenza dei liberali alle elezioni del 9 e 10 aprile, aspettano con ansia che le elezioni passino. Solo dopo il voto si potrà tornare a parlare di liberalismo. Con Della Vedova in parlamento, e forse Calderisi, e forse De Luca e Altissimo dimissionari da tutte le cariche.
Intanto ci sono cose molto più importanti di cui occuparsi. Della Valle si dimette dal direttivo di Confindustria, il gatto di Downing Street muore.




permalink | inviato da il 21/3/2006 alle 19:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio        aprile
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Milano e provincia
Scontri (e incontri) di civiltà
Specchio
Politica italiana
Zona rossa
Regimi

VAI A VEDERE

Liberali per l'Italia
Laboratorio per Reggio Emilia
Riformatori Liberali

Harry
Mario Caputi
Gabriele Lafranchi
Steppenwolf
Liberal Café
Italia Laica
Benedetto Della Vedova
Emma Bonino


Max Melley




Statistiche web e counter web  




Milano S. Siro

Nel banner: il Muro di Berlino (East Side Gallery), foto mia (gennaio 2004)

CERCA